Attualità

#IoRestoACasa: le risposte alle più comuni domande

Posso uscire? I negozi sono aperti? Ecco tutto quello che devi sapere

“Il futuro dell’Italia è nelle nostre mani. Facciamo tutti la nostra parte, rinunciando a qualcosa per il bene della collettività. In gioco c’è la salute dei nostri cari, dei nostri genitori, dei nostri figli, dei nostri nonni”. Sono le parole del Presidente del Consiglio dei Ministri – Giuseppe Conte – che ieri sera ha firmato il decreto #IoRestoACasa.

In queste ultime ore, siamo stati invasi da messaggi – sia sul sito che sulla pagina Facebook – per avere dei chiarimenti su ciò che si può o non si può fare. Per questo motivo, abbiamo deciso di raccogliere le domande più comuni in questo articolo che ti invitiamo a far girare il più possibile.

Conviene andare a fare scorta nei supermercati?

Non serve correre nei supermercati, perché l’approvvigionamento delle merci resta garantito. Anche con il nuovo decreto, i supermercati e altri esercizi di vendita di generi alimentari possono rimanere aperti anche il sabato e la domenica. L’unica cosa diversa che noterai è che gli accessi devono essere limitati, per evitare l’affollamento e rispettare così la distanza interpersonale minima.

C’è la possibilità di farsi portare a casa la spesa?

Sì, in tutta la provincia stanno nascendo in queste ore delle iniziative per aiutare le persone anziane e quelle più a rischio. Per esempio, a Modica, l’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco in congedo ha attivato un servizio gratuito di spesa a domicilio per gli over 65, privi di assistenza e con difficoltà a deambulare. Puoi chiamare il numero: 3331879433. A Ragusa, lo stesso servizio è stato attivato dall’associazione Ragusa in Movimento, che risponde al numero 0932.1847249

Se sto bene, non devo comunque uscire?

Per il bene di tutti, è necessario ridurre al minimo gli spostamenti, soprattutto quelli interurbani, che sono consentiti solo per ragioni di salute, lavoro o l’acquisto di beni di prima necessità. In questo caso, serve avere con sé un modulo di autodichiarazione, che sarà oggetto di controlli e la cui non veridicità costituisce un reato. Tuttavia, se vuoi fare una passeggiata o fare una corsetta, puoi farlo: devi però fare attenzione a stare a debita distanza da altre persone. Il divieto assoluto di uscire di casa è previsto per chi è sottoposto a isolamento o è risultato positivo al virus.

Fino a che ora bar e ristoranti saranno aperti?

Secondo il decreto, i bar possono aprire dalle 6 alle 18, con l’obbligo per i gestori di far rispettare la distanza minima di sicurezza interpersonale. Ristoranti e pizzerie che effettuano consegne a domicilio possono continuare l’attività anche oltre quell’orario. Sarà cura di chi effettua la consegna evitare contatti personali.Sospeso invece il servizio di asporto.

Cosa succede con la posta o con i pacchi?

Non c’è alcuna limitazione: tutte le merci possono entrare e uscire dai territori interessati. Il personale addetto al trasporto può spostarsi, limitatamente alle esigenze di consegna o prelievo delle merci.

Ci sono limitazioni per farmacie e parafarmacie?

No, non c’è alcuna limitazione nelle loro attività. Inoltre, è possibile usufruire del servizio di farmaci a domicilio, grazie all’iniziativa di FederFarma. Tramite il numero verde 800 189 521, è possibile richiedere la consegna gratuita dei farmaci per casi non urgenti. Il servizio è riservato alle persone che sono impossibilitate a recarsi in farmacia e non possono delegare altri soggetti.

Posso andare a trovare i parenti in casa di riposo?

Puoi farlo, ma è meglio limitarlo a una volta a settimana e un solo parente, per evitare assembramenti di persone.

I mercati merceologici (le fiere) si terranno ugualmente?

No, vengono sospesi fino al 3 aprile.

I centri commerciali sono chiusi?

No, resteranno aperti dal lunedì al venerdì. Obbligo di chiusura il sabato e la domenica, così come tutti gli esercizi commerciali con metratura superiore a 150mq.

Posso andare a mangiare dai parenti?

Cercate di evitarlo, non è uno spostamento necessario. A maggior ragione se i parenti sono anziani, evitate di esporli a rischi inutili. Nessuno di noi è immune, oggi.

Hai altre domande? Lascia un commento o inviaci una mail a info@0932.it!

Città

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close